giovedì 2 dicembre 2010

MEI emozioni alla Casa del disco


I momenti più intensi della 3 giorni del MEI sono stati quelli musicali alla Casa del disco, sabato alle 20 circa, Livia mi ha detto: torna dopo perchè ci sono 2 situazioni che non puoi perderti. Aveva ragione mi è piaciuta moltissimo l'atmosfera intima che si è creata nel nogozio sia con Francesco Giampaoli e Eloisa Atti sia con Simone Zanchini. Due cose completamente diverse: la prima molto piacevole, mi ha scaldato il cuore! Simone Zanchini invece è stato potente, musicalmente difficile ma sia io che la Monia (amica!) ci siamo commosse e, abbiamo provato delle forti emozioni, che a ripensarci, ritornano anche adesso che sto scrivendo... Il progetto si chiama "Better alone" e parte da un messaggio lasciato per errore nella segreteria di Zanchini. La signora del messaggio è anziana, di Rimini, quindi con un forte accento della zona, pensa di parlare con un'agenzia funebre, sta prendendo appuntamento per seppellire il marito la mattina dopo. La voce e le parole della vedova sono "mescolate" con la musica per tutto il concerto. All'inizio Zanchini ci ha raccontato, molto semplicemente, il suo lavoro poi ci ha avvertiti che era un concerto non stop di circa 40 minuti e che quindi che ci saremmo rivisti dopo! Io mi sono totalmente immersa ed è stato incredibilmente forte. Grazie
Se qualcun altro si è incuriosito: http://casadeldiscofaenza.it/weblog/2010/12/03/il-nostro-phon

Nessun commento:

Posta un commento